Skillbook Logo
foto profilo

Skill Factory

Tutte le categorie


TypeScript - Lezione 3: Array (CRUD - JSON -ANALISI DATI)

Gino Visciano | Skill Factory - 26/06/2020 09:16:19 | in Tutorials

In questa lezione approfondiamo la gestione degli array, introducendo  le principali tecniche di CRUD.

Come abbiamo già visto nella lezione precedente, un array è un contenitore dinamico d'informazioni, per poterlo usare in TypeScript lo dovete prima dichiarare:

var nominativi:string[];

Le parentesi quadre dopo il tipo differenziano gli array dalle variabili. Dopo aver dichiarato un array lo dovete sempre inizializzare come mostrano gli esempi seguenti:

var nominativi:string[];
nominativi=[]; // Inizializzazione di un array vuoto

oppure

var nominativi:string[];
nominativi=['Mario Rossi','Paola Verdi']; // Inizializzazione di un array con due nominativi.

Potete anche dichiarare in inizializzare  contemporaneamente:

var nominativi:string[]=[]; //  Dichiarazione ed inizializzazione di un array vuoto

oppure

var nominativi:string[]=['Mario Rossi','Paola Verdi']; // Dichiarazione ed inizializzazione di un array con due nominativi

CREATE (INSERIMENTO)

Per aggiungere le informazioni richieste in un array dovete usare il metodo push:

var nominativi:string[]=[]; //  Dichiarazione ed inizializzazione di un array vuoto
nominativi.push('Mario Rossi');
nominativi.push('Paola Verdi');

READ (LETTURA)

Per leggere il contenuto di un elemento di un array, dovete conoscere la sua posizione ed indicarla attraverso un indice che corrisponde ad un valore numerico compreso tra 0 ed n-1, dove n è il numero totale di elementi nell'array.
Attenzione il primo elemento di un array corrisponde all'indice 0, l'ultimo all'indice n-1, come mostra l'esempio seguente:

 

Esempio 1

 

UPDATE (MODIFICA)

Per modificare il contenuto di un elemento di un array basta  sostituire semplicemente il vecchio valore con quello nuovo, come indica l'esempio seguente:

nominativi[3]='Pietro Morra";  // Sostituiamo Ugo Formisano con Pietro Morra 

Esempio 2

DELETE (ELIMINA)

Per eliminare uno o più  elementi da un array dovete usare il metodo splice, fornendo l'indice del primo elemento e quanti elementi volete cancellare, come mostra l'esempio seguente:

nominativi.splice(2,1); // l'indice 2 indica il 3° elemento dell'array, il valore 1 indica che vogliamo cancellare solo quello

oppure

nominativi.splice(2,2); // l'indice 2 indica il 3° elemento dell'array, il valore 2 indica che vogliamo cancellare il 3° ed il 4° elemento dell'array

oppure

nominativi.splice(2); // l'indice 2 indica il 3° elemento dell'array, non avendo indicato quanti elementi eliminare vengono cancellati tutti gli elementi dell'array dal 3° in poi

Esempio 3

Esempio 4

 
Esempio 5
 
 
COME TROVARE UN ELEMENTO IN UN ARRAY
Per trovare un valore contenuto in un elemento di un array dovete usare il metodo indexOf
Se il valore cercato viene trovato il metodo 
indexOf ritorna l'indice dell'elemento in cui il valore è stato trovato, altrimenti ritorna -1.  
 
Di seguito vediamo alcuni esempi:
 
VALORE INTERO TROVATO
 
var
 interi:number[]=[10,20,30];
console.log(interi.indexOf(20));
---------------------------------
1
 
 
VALORE INTERO NON TROVATO
 
var interi:number[]=[10,20,30];
console.log(interi.indexOf(50));
---------------------------------
-1
 
 
VALORE DI TIPO STRINGA TROVATO
 
var nominativi:string[] = [];
nominativi.push('Mario Rossi');
nominativi.push('Paola Verdi');
nominativi.push('Roberta Bianchi');
nominativi.push('Ugo Formisano');
nominativi.push('Carla Pinto');
console.log(nominativi.indexOf('Roberta Bianchi'));
---------------------------------
2
 
 
VALORE DI TIPO STRINGA NON TROVATO
 
var nominativi:string[] = [];
nominativi.push('Mario Rossi');
nominativi.push('Paola Verdi');
nominativi.push('Roberta Bianchi');
nominativi.push('Ugo Formisano');
nominativi.push('Carla Pinto');
console.log(nominativi.indexOf('Marco Risi'));
---------------------------------
-1
 
 
COME ORDINARE IL CONTENUTO DI UN ARRAY
Per ordinare il contenuto di un array dovete usare il metodo sort
 
ORDINAMENTO CRESCENTE
 
var nominativi:string[] = [];
nominativi.push('Mario Rossi');
nominativi.push('Paola Verdi');
nominativi.push('Roberta Bianchi');
nominativi.push('Ugo Formisano');
nominativi.push('Carla Pinto');
nominativi.sort();
for (var x = 0x < nominativi.lengthx++) {
    console.log((x + 1) + ")" + nominativi[x]);
}
--------------------------------
1)Carla Pinto
2)Mario Rossi
3)Paola Verdi
4)Roberta Bianchi
5)Ugo Formisano
 
 
ORDINAMENTO DECRESCENTE
 
var nominativi:string[] = [];
nominativi.push('Mario Rossi');
nominativi.push('Paola Verdi');
nominativi.push('Roberta Bianchi');
nominativi.push('Ugo Formisano');
nominativi.push('Carla Pinto');
nominativi.sort((n,m)=>m.localeCompare(n))
for (var x = 0x < nominativi.lengthx++) {
    console.log((x + 1) + ")" + nominativi[x]);
}
--------------------------------
1)Ugo Formisano
2)Roberta Bianchi
3)Paola Verdi
4)Mario Rossi
5)Carla Pinto
 
 
L'ordine del contenuto degli elementi di un array si può anche invertire con il metodo reverse:
 
INVERSIONE DEL CONTENUTO DI UN ARRAY
 
var nominativi:string[] = [];
nominativi.push('Mario Rossi');
nominativi.push('Paola Verdi');
nominativi.push('Roberta Bianchi');
nominativi.push('Ugo Formisano');
nominativi.push('Carla Pinto');
nominativi.reverse();
for (var x = 0x < nominativi.lengthx++) {
    console.log((x + 1) + ")" + nominativi[x]);
}
--------------------------------
1)Carla Pinto
2)Ugo Formisano
3)Roberta Bianchi
4)Paola Verdi
5)Mario Rossi
 
 
COME DUPLICARE UN ARRAY
Per duplicare un array dovete usare il metodo slice, questo metodo ritorna il riferimento di memoria dove viene allocata la copia, come mostra l'esempio seguente:
 
Esempio 6

Attenzione, la dichiarazione:

var nominativiDue:string[];
 
serve per creare la variabile a cui verrà assegnato il riferimento del nuovo array creato dal metodo slice
 
 
COME CONCATENARE GLI ELEMENTI DI UN ARRAY CON UN ALTRO ARRAY (MERGE)
Per concatenare gli elementi di un array con un altro array dovete usare il metodo concat.
Il metodo concat crea un terzo array in cui concatena gli elementi  dei due array da concatenare. 
 
Esempio 7
 
Attenzione, la dichiarazione:

var nominativiUnoDue:string[];
 
serve per creare la variabile a cui verrà assegnato il riferimento del nuovo array creato dal metodo concat
 
COME CREARE UN ARRAY DI STRINGHE PARTENDO DA UN ELENCO DI VALORI DI TIPO STRINGA
Un elenco di valori di tipo stringa può essere definito come un insieme di dati divisi da un separatore qualsiasi, come mostra l'esempio seguente:
 
"Anna Neri,Mario Rossi,Roberta Bianchi,Ugo Formisano,Paola Verdi,Francesca Lombardo"
 
dove il separatore usato è una virgola oppure: 
 
"Mela-Pera-Arancia-Uva-Anguria-Melone-Banana"
 
dove il separatore usato è un trattino.
 
Per trasformare un elenco di dati di tipo stringa in un array di stringhe dovete usare il metodo split indicando come argomento il separatore usato per dividere le informazioni.
 
Esempio 8
 
Esempio 9
 
 
COME CREARE UNA STRINGA DI VALORI PARTENDO DA UN ARRAY DI STRINGHE
Per trasformare un array di stringhe in un elenco di valori di tipo stringa dovete utilizzare il metodo join, fornendo come argomento il separatore da utilizzare per creare l'elenco, come mostra l'esempio seguente:
 
TRASFORMAZIONE DI UN ARRAY DI STRINGHE IN UNA STRINGA DI VALORI
 
var frutti:string[]=['Mela','Pera','Arancia','Uva','Anguria','Melone','Banana']
var elencoFrutti:string
elencoFrutti=frutti.join("-");
console.log(elencoFrutti);
-------------------------------------------------------------------------------
Mela-Pera-Arancia-Uva-Anguria-Melone-Banana
 
 
 
 
COME GESTIRE VELOCEMENTE IL CONTENUTO DI TUTTI GLI ELEMENTI DI UN ARRAY
Per gestire il contenuto di un array si usa un ciclo for che incrementa l'indice degli elementi da x=0 ad x<nomeArray.length, come mostra l'esempio seguente:
 
var interi:number[]=[10,20,30,40,50];   
for(let x=0;x<interi.length;x++){
      console.log(interi[x]):
}
 
oppure potete usare un ciclo for of:
 
for(let i of interi){
      console.log(i);
}
 
Per rendere più veloce la gestione di una array potete usare il metodo foreach.
Questo metodo, a differenza del for, scorre gli elementi dell'array senza utilizzare un indice e ad ogni loop assegna ad una variabile il valore dell'elemento corrente, come mostrano gli esempi seguenti:
 
VISUALIZZAZIONE DEL CONTENUTO DI UN ARRAY
 
var interi:number[]=[10,20,30,40,50];   
interi.forEach((intero:number=> console.log(intero));
--------------------------------------------------------
10
20
30
40
50
 
 
In questo esempio il foreach legge tutti i numeri dell'array interi e ad ogni loop assegna il valore corrente  alla variabile intero, il simbolo "=>" , chiamato freccia indica l'operazione da svolgere.
Attenzione se l'operazione che volte svolgere è composta da una sola istruzione potete evitare di usare le parentesi graffe, altrimenti sono obbligatorie.
 
VISUALIZZAZIONE DEL CONTENUTO DI UN ARRAY TIPO ELENCO NUMERICO
 
var interi:number[]=[10,20,30,40,50]; 
var indice=1;  
interi.forEach((intero:number=> {
    console.log(indice+") "+intero) // Concateno indice con ") " e con intero
    indice++;
});
--------------------------------------
1) 10
2) 20
3) 30
4) 40
5) 50
 
 
 
var interi:number[]=[10,20,30,40,50]; 
var somma=0;  
interi.forEach((intero:number=> somma+=intero);
console.log("Totale dei numeri inseriti nell'array:"+somma);
--------------------------------------------------------------
Totale dei numeri inseriti nell'array:150
 
 
 
GESTIONE DELLE CODE
Le code si usano per gestire sequenze di valori che devono essere usati necessariamente in base all'ordine d'inserimento oppure di estrazione.
 
Esistono due tipi di code:
 
1) Code FIFO (First In First Out - Primo entrato è il primo ad uscire);
2) Code LIFO (Last In First Out - L'ultimo entrato è il primo ad uscire).
 
 
 
CODA FIFO
 
var codaFIFO:number[]=[10,5,20,15,8,40,30,25,45,35];
console.log(codaFIFO);
for(let x=0;x<10;x++){
    console.log(codaFIFO.shift()+"<--"+codaFIFO);
}
---------------------------------------------------------------
[10,  5, 20, 15,  8, 40, 30, 25, 45, 35]
10<--5,20,15,8,40,30,25,45,35
5<--20,15,8,40,30,25,45,35
20<--15,8,40,30,25,45,35
15<--8,40,30,25,45,35
8<--40,30,25,45,35
40<--30,25,45,35
30<--25,45,35
25<--45,35
45<--35
35<--
 
 
 
 
 
CODA LIFO
 
var codaFIFO:number[]=[10,5,20,15,8,40,30,25,45,35];
console.log(codaFIFO);
for(let x=0;x<10;x++){
    console.log(codaFIFO.pop()+"<--"+codaFIFO);
}
-------------------------------------------------------
[10,  5, 20, 15,  8, 40, 30, 25, 45, 35]
35<--10,5,20,15,8,40,30,25,45
45<--10,5,20,15,8,40,30,25
25<--10,5,20,15,8,40,30
30<--10,5,20,15,8,40
40<--10,5,20,15,8
8<--10,5,20,15
15<--10,5,20
20<--10,5
5<--10
10<--
 
 
 
COME GESTIRE UN ARRAY DI OGGETTI JSON
JSON ( (JavaScript Object Notation)) è il formato testo più utilizzato nel mondo della programmazione per definire strutture di dati di tipo SQL e NOSQL.
 
Una struttura JSON oppure oggetto JSON è delimitata da parentesi graffe {...}  che contengono gli attributi (nomi delle informazioni), associati ai dati corrispondenti, come mostra l'esempio seguente:
 
{
id:1,
nome:"Paola",
cognome:"Verdi",
luogoDiNascita:"Roma",
dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),
sesso:true,
codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",
titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"]
};
 
I dati di tipo stringa vanno racchiusi tra le virgolette, i valori booleani s'impostano con true o false e se un attributo è composto da più valori, per indicarli potete usare la stessa notazione utilizzata per inizializzare gli arrray [...], come ad esempio avviene per l'attributo titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"].
 
Per creare un tipo di dato che corrisponde ad una struttura/oggetto JSON dovete creare un'interfaccia, come mostra l'esempio seguente:
 
interface Persona {
     id:number,
     nome:string,
     cognome:string,
     luogoDiNascita:string,
     dataDiNascita:Date,
     sesso:boolean,
     codiceFiscale:string,
     titoliDiStudio:string[]
 
Esempio 10
 
// array_esempio_10.ts
interface Persona {
    id:number,
    nome:string,
    cognome:string,
    luogoDiNascita:string,
    dataDiNascita:Date,
    sesso:boolean,
    codiceFiscale:string,
    titoliDiStudio:string[]
    } 
// Dichiaro ed inizializzo un array di persone di tipo Persona
var persone:Persona[]=[];
persone.push(
    {
    id:1,
    nome:"Paola",
    cognome:"Verdi",
    luogoDiNascita:"Roma",
    dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"]
    }
)   
persone.push(
    {
    id:2,
    nome:"Marco",
    cognome:"Rossi",
    luogoDiNascita:"Napoli",
    dataDiNascita:new Date("1/5/1996"),
    sesso:false,
    codiceFiscale:"mrcrss96l01l256g",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale","Laurea Magistrale"]
    }
persone.push(
    {
    id:3,
    nome:"Carla",
    cognome:"Rossini",
    luogoDiNascita:"Pesaro",
    dataDiNascita:new Date("10/15/1990"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"crlrss90f10l324a",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]
    }
persone.push(
    {
    id:4,
    nome:"Roberta",
    cognome:"Bianchi",
    luogoDiNascita:"Firenze",
    dataDiNascita:new Date("03/20/2000"),
    sesso:false,codiceFiscale:"rbtbnc00f03p259b",
    titoliDiStudio:["Diploma"]
    }
)
persone.push(
    {
    id:5,
    nome:"Ugo",
    cognome:"Formisano",
    luogoDiNascita:"Salerno",
    dataDiNascita:new Date("07/28/2002"),
    sesso:false,codiceFiscale:"gggfrm07r28m260p",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Magistrale"]
    }
)
persone.forEach((persona:Persona)=>console.log(persona));
------------------------------------------------------------------
{
  id: 1,
  nome: 'Paola',
  cognome: 'Verdi',
  luogoDiNascita: 'Roma',
  dataDiNascita: 1990-10-04T23:00:00.000Z,
  sesso: true,
  codiceFiscale: 'pllvrd90l05l234f',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea' ]
}
{
  id: 2,
  nome: 'Marco',
  cognome: 'Rossi',
  luogoDiNascita: 'Napoli',
  dataDiNascita: 1996-01-04T23:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'mrcrss96l01l256g',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Triennale', 'Laurea Magistrale' ]
}
{
  id: 3,
  nome: 'Carla',
  cognome: 'Rossini',
  luogoDiNascita: 'Pesaro',
  dataDiNascita: 1990-10-14T23:00:00.000Z,
  sesso: true,
  codiceFiscale: 'crlrss90f10l324a',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Triennale' ]
}
{
  id: 4,
  nome: 'Roberta',
  cognome: 'Bianchi',
  luogoDiNascita: 'Firenze',
  dataDiNascita: 2000-03-19T23:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'rbtbnc00f03p259b',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma' ]
}
{
  id: 5,
  nome: 'Ugo',
  cognome: 'Formisano',
  luogoDiNascita: 'Salerno',
  dataDiNascita: 2002-07-27T22:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'gggfrm07r28m260p',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Magistrale' ]
}
 
 
Per  creare una struttura/oggetto JSON, potete anche indicare come tipo direttamente le informazioni che ne descrivono il formato, come mostra l'esempio seguente:
 
var persona{id:number,
       nome:string,
       cognome:string, 
       luogoDiNascita:string, 
       dataDiNascita:Date, 
       sesso:boolean, 
       codiceFiscale:string, 
       titoliDiStudio:string[]}={
       id: 1,
       nome: 'Paola',
      cognome: 'Verdi',
      luogoDiNascita: 'Roma',
      dataDiNascita: 1990-10-04T23:00:00.000Z,
      sesso: true,
      codiceFiscale: 'pllvrd90l05l234f',
      titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea' ]}
 
 
Esempio 10_BIS
 
// array_esempio_10_bis.ts
var persone:{
    id:number,
    nome:string,
    cognome:string,
    luogoDiNascita:string,
    dataDiNascita:Date,
    sesso:boolean,
    codiceFiscale:string,
    titoliDiStudio:string[]
    }[]=[];
persone.push(
    {
    id:1,
    nome:"Paola",
    cognome:"Verdi",
    luogoDiNascita:"Roma",
    dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"]
    }
)   
persone.push(
    {
    id:2,
    nome:"Marco",
    cognome:"Rossi",
    luogoDiNascita:"Napoli",
    dataDiNascita:new Date("1/5/1996"),
    sesso:false,
    codiceFiscale:"mrcrss96l01l256g",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale","Laurea Magistrale"]
    }
persone.push(
    {
    id:3,
    nome:"Carla",
    cognome:"Rossini",
    luogoDiNascita:"Pesaro",
    dataDiNascita:new Date("10/15/1990"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"crlrss90f10l324a",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]
    }
persone.push(
    {
    id:4,
    nome:"Roberta",
    cognome:"Bianchi",
    luogoDiNascita:"Firenze",
    dataDiNascita:new Date("03/20/2000"),
    sesso:false,codiceFiscale:"rbtbnc00f03p259b",
    titoliDiStudio:["Diploma"]
    }
)
persone.push(
    {
    id:5,
    nome:"Ugo",
    cognome:"Formisano",
    luogoDiNascita:"Salerno",
    dataDiNascita:new Date("07/28/2002"),
    sesso:false,codiceFiscale:"gggfrm07r28m260p",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Magistrale"]
    }
)
persone.forEach((persona:{
        id:number,
        nome:string,
        cognome:string,
        luogoDiNascita:string,
        dataDiNascita:Date,
        sesso:boolean,
        codiceFiscale:string,
        titoliDiStudio:string[]
        })=>console.log(persona));
 
 
 
PRINCIPALI METODI PER ANALIZZARE IL CONTENUTO DI UN ARRAY
Per analizzare le informazioni contenute in array potete utilizzare tre metodi: filter, map e reduce.
 
- Il metodo filter, crea un nuovo array che contiene gli elementi che soddisfano la condizione indica nella funzione lambda associata al metodo.
- Il metodo map, crea un nuovo array che contiene i risultati delle operazioni eseguite dalla funzione lambda associata al metodo.
- Il metodo reduce utilizza un accumulatore per eseguire operazioni di tipo somma o conteggio.  
 
Vediamo alcuni esempi:
 
VISUALIZZA NUMERI DISPARI
 
var interi:number[]=[10,5,15,30,33,20,53,67,78,90,91,98,70,65,79,12,14,18,35,80];
var interiDispari:number[]=interi.filter((numero:number)=>{
    if (numero%2!=0){
        return numero;
    }
})
interiDispari.forEach((numero:number=> console.log(numero));
---------------------------------------------------------------------------------
5
15
33
53
67
91
65
79
35
 

L'argomento del metodo filter è una funzione lambda, una funzione anonima che riceve come argomenti di volta in volta, tutti i valori dell'array e ritorna solo quelli dispari:

// Funzione lambda
(numero:number) => {
     if(numero%2!=0){
         return numero; // Aggiunge al nuovo array solo i valori che soddisfano la condizione
     }
}

Il simbolo => è detto freccia, si usa per associare gli argomenti della funzione lambda all'implementazione.

 

VISUALIZZA IL TOTALE DEI NUMERI DISPARI

 
var interi:number[]=[10,5,15,30,33,20,53,67,78,90,91,98,70,65,79,12,14,18,35,80];
var totaleNumeriDispari:number=interi.filter((numero:number)=>{
    if (numero%2!=0){
        return numero;
    }
}).reduce((totale:number,numero:number)=> totale+numero);
console.log("Totale numeri dispari:"+totaleNumeriDispari);
----------------------------------------------------------------------------------
Totale numeri dispari:443
 

 

La funzione lambda del metodo reduce, viene eseguita per ogni elemento dell'array. Il primo argomento della funzione è un accumulatore, conserva il valore del calcolo precedente, mentre il secondo argomento, corrisponde al valore corrente dell'array.

 

CALCOLA IL CUBO DEI VALORI DELL'ARRAY

 
var interi:number[]=[10,5,15,30,33,20,53,67,78,90,91,98,70,65,79,12,14,18,35,80];
var cuboInteri=interi.map((numero:number)=>Math.pow(numero,3));
cuboInteri.forEach((numero:number)=>console.log(numero));
-------------------------------------------------------------------------------
1000
125
3375
27000
35937
8000
148877
300763
474552
729000
753571
941192
343000
274625
493039
1728
2744
5832
42875
512000
 

 

TOTALE DEL CUBO DEI NUMERI PARI DELL'ARRAY

 
var interi:number[]=[10,5,15,30,33,20,53,67,78,90,91,98,70,65,79,12,14,18,35,80];
var totale=interi.filter((numero:number)=>{
    if(numero%2==0){
       return numero;
    }
}).map((numero:number)=>Math.pow(numero,3)).reduce((somma:number,numero:number)
=>somma+numero);
console.log("Totale del cubo dei numeri pari:"+totale);
------------------------------------------------------------------------------
Totale del cubo dei numeri pari:3046048
 
 

 

VISUALIZZA L'ETA' MEDIA DELLE DONNE CON LAUREA INSERITE NELL'ARRAY

 
interface Persona {
    id:number,
    nome:string,
    cognome:string,
    luogoDiNascita:string,
    dataDiNascita:Date,
    sesso:boolean,
    codiceFiscale:string,
    titoliDiStudio:string[]
    } 
var persone:Persona[]=[];
persone.push(
    {
    id:1,
    nome:"Paola",
    cognome:"Verdi",
    luogoDiNascita:"Roma",
    dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]
    }
)   
persone.push(
    {
    id:2,
    nome:"Marco",
    cognome:"Rossi",
    luogoDiNascita:"Napoli",
    dataDiNascita:new Date("1/5/1996"),
    sesso:false,
    codiceFiscale:"mrcrss96l01l256g",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale","Laurea Magistrale"]
    }
persone.push(
    {
    id:3,
    nome:"Carla",
    cognome:"Rossini",
    luogoDiNascita:"Pesaro",
    dataDiNascita:new Date("10/15/1990"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"crlrss90f10l324a",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]
    }
persone.push(
    {
    id:4,
    nome:"Roberta",
    cognome:"Bianchi",
    luogoDiNascita:"Firenze",
    dataDiNascita:new Date("03/20/2000"),
    sesso:true,
    codiceFiscale:"rbtbnc00f03p259b",
    titoliDiStudio:["Diploma"]
    }
)
persone.push(
    {
    id:5,
    nome:"Ugo",
    cognome:"Formisano",
    luogoDiNascita:"Salerno",
    dataDiNascita:new Date("07/28/2002"),
    sesso:false,
    codiceFiscale:"gggfrm07r28m260p",
    titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Magistrale"]
    })
    persone.push(
        {
        id:6,
        nome:"Alessandra",
        cognome:"Bianchi",
        luogoDiNascita:"Milano",
        dataDiNascita:new Date("10/18/2005"),
        sesso:true,
        codiceFiscale:"ssnbnn10r18f345n",
        titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]
        })
    persone.push(
        {
        id:7,
        nome:"Nicola",
        cognome:"Morra",
        luogoDiNascita:"Torino",
        dataDiNascita:new Date("08/11/1990"),
        sesso:false,
        codiceFiscale:"nccmrr08r11l250u",
        titoliDiStudio:["Diploma"]
        })    
    persone.push(
        {
        id:8,
        nome:"Marina",
        cognome:"Rossi",
        luogoDiNascita:"Genova",
        dataDiNascita:new Date("03/01/1992"),
        sesso:true,
        codiceFiscale:"mrnrss03r01l250u",
        titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Magistrale"]
        })    
    persone.push(
        {
        id:9,
        nome:"Daniele",
        cognome:"Verdi",
        luogoDiNascita:"Genova",
        dataDiNascita:new Date("02/05/1996"),
        sesso:false,
        codiceFiscale:"dnlvrd02r05l456g",
        titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]
        })    
    persone.push(
        {
        id:10,
        nome:"Michele",
        cognome:"Cuccurullo",
        luogoDiNascita:"Asti",
        dataDiNascita:new Date("11/11/1998"),
        sesso:false,
        codiceFiscale:"mccccc11g11l250s",
        titoliDiStudio:["Diploma"]
        })    
    persone.push(
        {
        id:11,
        nome:"Rosanna",
        cognome:"Neri",
        luogoDiNascita:"Ancona",
        dataDiNascita:new Date("11/10/1998"),
        sesso:true,
        codiceFiscale:"rssnrr11g10l251s",
        titoliDiStudio:["Diploma"]
        })                    
    persone.push(
        {
        id:12,
        nome:"Claudia",
        cognome:"Bianchi",
        luogoDiNascita:"Genova",
        dataDiNascita:new Date("10/01/2000"),
        sesso:true,
        codiceFiscale:"cldbnc10g00l255t",
        titoliDiStudio:["Diploma"]
        })                    
        var femmineLaureate:Persona[]=persone.filter((persona:Persona)=>{
                if(persona.sesso && 
                   (persona.titoliDiStudio.indexOf("Laurea Triennale")>=0 ||
                   persona.titoliDiStudio.indexOf("Laurea Magistrale")>=0)) {
                  return persona;
                }
                })
        var etaMedia:number=femmineLaureate.map((persona:Persona)=>
                     new Date().getFullYear()-persona.dataDiNascita.getFullYear())
                     .reduce((somma:number,eta:number)=>somma+eta)/
femmineLaureate.length;
console.log("Femmine laureate:"+femmineLaureate.length);
console.log("Età media:"+etaMedia);
-----------------------------------------------------------------------
Femmine laureate:4
Età media:25.75
 
 


Nella prossima lezione vedremo tutti i tipi di funzioni disponibili in TypeScript.


<< Lezione precedente | Vai alla prima lezione


T U T O R I A L S    S U G G E R I T I


EDUCATIONAL GAMING BOOK (EGB) "H2O"

Nell'era dello SMART LEARNING e di PYTHON i libri non si scrivono, ma si sviluppano, in questo modo chi studia, può sperimentare ed apprendere contemporaneamente; un libro con queste caratteristiche lo possiamo definire un  Educational Gaming Book (EGB).

"H2Oè un EGB che descrive tutte le caratteristiche dell'acqua, la sostanza formata da molecole di H2O, che attraverso il suo ciclo di vita garantisce la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi del Pianeta

L'obiettivo dell'EGB è quello di far conoscere ai giovani le proprietà dell'acqua, sotto molti aspetti uniche, per sensibilizzarli a salvaguardare un bene comune raro, indispensabile per la vita


Per il DOWNLOAD di "H2Oclicca qui.

Share Button

TypeScript - Lezione 2: Tipi di dati.

Gino Visciano | Skill Factory - 10/06/2020 16:07:16 | in Tutorials

TypeScript a differenza di Javascript,  permette di dichiarare le variabili con 3 tipi di dati primitivi:

- number (interi e decimali);
- string (caratteri alfanumerici);
- boolean (true e false).

L'esempio seguente mostra come si dichiarano e si assegnano valori  alle variabili in TypeScript:

Il comando var rende la variabile di tipo globale nel modulo in cui viene dichiarata.


COME DICHIARARE UNA VARIABILE A CUI  ASSEGNARE QUALUNQUE TIPO DI VALORE

Una variabile a cui si può assegnare qualunque tipo di valore è di tipo "Variant".

In TypeScript il tipo "Variant" corrisponde al tipo di dato any.

Ad esempio alle variabili seguenti potete assegnare qualunque tipo di valore:

// Dichiarazione
var valoreQualunqueUno:any;
var valoreQualunqueDue:any;
var valoreQualunqueTre:any;
var valoreQualunqueQuattro:any;

// Inizializzazione
valoreQualunqueUno=30;
valoreQualunqueDue=10.80;
valoreQualunqueTre:any="Arancione"
valoreQualunqueQuattro=true;

// Visualizzazione
console.log(valoreQualunqueUno);
console.log(valoreQualunqueDue);
console.log(valoreQualunqueTre);
console.log(valoreQualunqueQuattro)


COME DICHIARARE UNA VARIABILE DI TIPO DATA
In TypeScript il tipo data non è un tipo di dato primitivo, ma una classe.
Per riconoscere se un tipo di dato è primitivo oppure è una classe è semplice, i nomi dei tipi primitivi sono minuscoli mentre le classi iniziano sempre con una lettere maiuscola, come mostra l'esempio seguente:

var nome:string // Tipo di dato primitivo
var dataDiNascita:Date //Tipo Classe

Le variabili di tipo classe, possono contenere sia valori, sia funzioni, chiamate metodi, che servono per fare operazioni sul valori memorizzati. Le variabile di  tipo classe sono chiamate oggetti e si inizializzano con il comando new, come mostra l'esempio seguente:

var gg=number; // Variabile
var mm=number;
 // Variabile
var aaaa=number; // Variabile
var dataDiNascita=new Date("10/05/1990"); // Oggetto perché oltre ai valori può contienere anche metodi
gg=dataDiNascita.getData(); // Uso di un metodo che fornisce il giorno della data inserita
mm=dataDiNascita.getMonth(); 
// Uso di un metodo che fornisce il mese della data inserita
aaaa=dataDiNascita.gerFullYear(); // Uso di un metodo che fornisce l'anno della data inserita
console.log(gg+"/"+mm+"/"+aaaa);


COME LAVORARE CON GLI ARRAY

In TypeScript gli array si dichiarano come le variabili, l'unica differenza è che al tipo di dato , sia di tipo primitivo, sia di tipo classe, dovete aggiungere una coppia di parentesi quadre, come mostra l'esempio seguente:

var valori:number[]; // Array di tipo number, può contenere molti valori interi oppure decimali

Per dichiarare un array vuoto dovete usare la sintassi seguente:

var valori:number[]=[]// Dichiarazione e inizializzazione

oppure

var valori:number[]; // Dichiarazione 
valori=[]; // Inizializzazione

Per assegnare dei valori ad un array potete usare la sintassi seguente:

var valori:number[]=[10,5,20,15,30]// Dichiarazione e inizializzazione

oppure

var valori:number[]// Dichiarazione 
valori=[10,5,20,15,30]
// Inizializzazione

Dopo aver dichiarato ed inizializzato un array, per aggiungere nuovi valori, dovete usare il metodo push():

valori.push(50);
valori.push(40);

valori.push(35);
valori.push(25);
valori.push(45);

Tutti i valori di un array sono identificati da un indice numerico. Il primo valore corrisponde all'indice 0, l'ultimo valore corrisponde all'indice n-1, dove n è il numero di valori inserito nell'array.

L'attributo length contiene il numero di valori inseriti in un array (n).

Per visualizzare il contenuto di un array potete utilizzare un ciclo for, come mostra l'esempio seguente:

for(let x:number=0;x<valori.length;x++){
    console.log(valori[x]);
}

Il comando let permette di dichiarare una variabile visibile solo nel blocco in cui viene dichiarata.
 
Esempio 1
 
Aprite Visual Studio Code  
create un nuovo file:
 

 
e scrivete il codice seguente:

// valori_inserimento.ts
var valori:number[]=[10,5,20,15,30];
valori.push(50);
valori.push(40);

valori.push(35);
valori.push(25);
valori.push(45);

console.log("Valori inseriti:"+valori.length);

for(let x:number=0;x<valori.length;x++){
    console.log(valori[x]);
}

Salvate il file con il nome valori_inserimento.ts:
 
 
Dopo aver salvato il file apreite il terminale, compilate ed eseguite:
 
 
---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc valori_inserimento
node valori_inserimento

---------- OUTPUT ----------
Valori inseriti:10
10
5
20
15
30
50
40
35
25
45

Per modificare una valore inserito in un array dovete prima conoscere in quale posizione si trova (indice) e successivamente lo potete sostituire con il nuovo valore.

Esempio 2

// nominativi_modifica.ts
var nominativi:string[]=[];
nominativi.push("Paola Rossi");
nominativi.push("Ugo Verdi");
nominativi.push("Mara Bianchi");

nominativi.push("Marco Borriello");
nominativi.push("Roberta Di Donna");

console.log("Nominativi inseriti:"+nominativi.length);

for(let x:number=0;x<nominativi.length;x++){
    console.log((x+1)+") "+nominativi[x]);
}

nominativi[0]="Michela De Pretis" // Modifica del primo elemento dell'array con indice=0
nominativi[2]="Francesco Ferrara"// Modifica del terzo elemento dell'array con indice=2
nominativi[4]="Carla Miranda"; // Modifica dell'ultimo (quinto) elemento dell'array  con indice=4
 
console.log("Nominativi inseriti:"+nominativi.length);

for(let x:number=0;x<nominativi.length;x++){
    console.log((x+1)+") "+nominativi[x]); // (x+1) +")" permette di ottenere un elenco numerato
}

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc nominativi_modifica
node nominativi_modifica


---------- OUTPUT ----------
Nominativi inseriti:5

1) Paola Rossi
2) Ugo Verdi
3) Mara Bianchi
4) Marco Borriello
5) Roberta Di Donna
Nominativi inseriti:5
1) Michela De Pretis
2) Ugo Verdi
3) Francesco Ferrara
4) Marco Borriello
5) Carla Miranda

Per eliminare un valore inserito in un array, dovete usare il metodo splace(indice,quanti), dove:

indice=posizione nell'array da dove iniziare ad eliminare;
quanti=quanti valori eliminare partendo dalla posizione indice.


Esempio 3

// nominativi_elimina.ts
var nominativi:string[]=[];
nominativi.push("Paola Rossi");
nominativi.push("Ugo Verdi");
nominativi.push("Mara Bianchi");

nominativi.push("Marco Borriello");
nominativi.push("Roberta Di Donna");

console.log("Nominativi inseriti:"+nominativi.length);

for(let x:number=0;x<nominativi.length;x++){
    console.log((x+1)+") "+nominativi[x]);
}

nominativi.splace(2,1) // Elimina il terzo nominativo dall'array

console.log("Nominativi inseriti:"+nominativi.length);

for(let x:number=0;x<nominativi.length;x++){
    console.log((x+1)+") "+nominativi[x]);
}

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc nominativi_elimina
node nominativi_elimina


---------- OUTPUT ----------
Nominativi inseriti:5
1) Paola Rossi
2) Ugo Verdi
3) Mara Bianchi
4) Marco Borriello
5) Roberta Di Donna
Nominativi inseriti:4
1) Paola Rossi
2) Ugo Verdi
3) Marco Borriello
4) Roberta Di Donna

 

COME CREARE UN TIPO CLASSE PER ISTANZIARE OGGETTI

Un tipo classe è un tipo di dato definito dal programmatore, si differenzia dai tipi primitivi number, string e boolean, perché permette di memorizzare più informazioni contemporaneamente, come avviene per le strutture in C.

Le classi a differenza delle strutture, possono contenere anche funzioni, chiamate metodi, che permettono di eseguire operazioni sulle informazioni memorizzate.

I costruttori sono funzioni come i metodi che si usano durante la creazione degli oggetti (istanza) e servono per inizializzare i suoi attributi.

Per creare una classe dovete usare la parola chiave class seguita dal nome e da una coppia di parentesi graffe in cui dichiarare le variabili (attributi), i metodi richiesti ed i costruttori, come mostra l'esempio seguente:
 
class MiaClasse{
       valoreUno:tipo // Attributo = variabile globale
       valoreDue:
tipo; // Attributo = variabile globale
       // Metodo = funzione che permette di eseguire operazioni sugli attributi
      metodoUno():tipo{
            // Codice metodo
      }
      // Metodo = funzione che permette di eseguire operazioni sugli attributi
      // tipo è void se il metodo non restituisce (return) un valore, altrimenti corrisponde al tipo del valore restituito

      metodoDue():tipo{
           // Codice metodo
      }
      // Costruttore = funzione che permette di inizializzare gli attributi di un oggetto quando lo istanziate
      // Attenzione a differenza degli altri metodi il costruttore non può restituire valori, quindi non dovete indicare il tipo restituito
      constructor(){
           // Codice metodo costruttore
      }
}
 
Attenzione ricordate le seguenti regole:
 
1) I nomi delle classi sono formati da una o più parole che iniziano sempre con la lettera maiuscola:MiaClasse;
2) I nomi degli attributi, dei metodi e dei costruttori, hanno sempre la prima parola minuscola, se sono composti da più parole, le successive iniziano con la lettera maiuscola:valoreUno e metodoUno;
3) Quando create un costruttore, a differrenza dei metodi, non dovete indicare i tipo restituito.
 
In un'applicazione per usare un tipo classe dovete istanziare un oggetto, come mostra la sintassi seguente:
 
// Istanza (creazione di un oggetto di tipo classe)
var personaUno:Persona=new Persona();

personaUno=Nome oggetto che permette di memorizzare valori negli attributi ed eseguire operazioni eseguendo i metodi;
Persona=Classe;
new=comando che crea in memoria l'oggetto. Questa operazione è detta istanza;
Persona()=Costruttore, metodo utilizzato per inizializzare gli attributi dell'oggetto. 
 
Esempio 4
 

// Dichiarazione della Classe da utilizzare come tipo per istanziare oggetti
// gestione_persone.ts

class Persona{
    nome:string;
    cognome:string;
    luogoDiNascita:string;
    dataDiNascita:Date;
    sesso:boolean;
    toString():string{
        var gg:number=this.dataDiNascita.getDate(); 
        var mm:number=this.dataDiNascita.getMonth()+1;
        var aaaa:number=this.dataDiNascita.getFullYear();
        var dataValore:string=gg+"/"+mm+"/"+aaaa;
        var sessoValore:string="";
        if(this.sesso){
            sessoValore="Maschio";
        } else{
            sessoValore="Femmina"
        }
         return this.nome+","+this.cognome+","+this.luogoDiNascita+","+dataValore+","+sessoValore;
    }
    constructor(){} // In questo caso il costruttore non contiene codice d'inizializzazione, verrà usato solo per istanziare oggetti di tipo Persona
}

// Istanza di tre oggetti di tipo Persona
var personaUno:Persona=new Persona();
var personaDue:Persona=new Persona();
var personaTre:Persona=new Persona();

personaUno.nome="Mario";
personaUno.cognome="Rossi";
personaUno.luogoDiNascita="Milano";
//Mese, Giorno e Anno
personaUno.dataDiNascita=new Date("12/5/1990");
personaUno.sesso=true;

personaDue.nome="Paola";
personaDue.cognome="Verdi";
personaDue.luogoDiNascita="Napoli";
//Mese, Giorno e Anno
personaDue.dataDiNascita=new Date("9/10/1998");
personaDue.sesso=false;

personaTre.nome="Roberta";
personaTre.cognome="Bianchi";
personaTre.luogoDiNascita="Roma";
//Mese, Giorno e Anno
personaTre.dataDiNascita=new Date("1/12/1995");
personaTre.sesso=false;

console.log(personaUno.toString());
console.log(personaDue.toString());
console.log(personaTre.toString());

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc gestione_persone
node gestione_persone


---------- OUTPUT ----------

Mario,Rossi,Milano,5/12/1990,Maschio
Paola,Verdi,Napoli,10/9/1998,Femmina
Roberta,Bianchi,Roma,12/1/1995,Femmina

Esempio 5

//rettangolo.ts

class Rettangolo {
         latoA:number;
         latoB:number;
         getPerimetro():number{
                    return 2*(this.latoA+this.latoB);
          }
         getArea():number{
                    return this.latoA*this.latoB;
         }
         constructor(latoA:number,latoB:number){
                       this.latoA=latoA;
                       this.latoB=latoB;
         }
}

var rettangolo:Rettangolo=new Rettangolo(10,20);
console.log("Perimetro:"+rettangolo.getPerimetro());
console.log("Area:"+rettangolo.getArea());

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc rettangolo
node rettangolo


---------- OUTPUT ----------

Perimetro:60
Area:200

 

COME LAVORARE CON UNA STRUTTURA JSON (JavaScript Object Notation)

In  TypeScript una struttura JSON può essere definita come una variabile multivalore.

JSON è il nuovo formato testo (NOSQL) per organizzare dati, indipendente dal linguaggio di programmazione usato, molto utile per scambiare dati tra applicazioni scritte con linguaggi di programmazione diversi.

JSON è il formato di raccolta ed organizzazione dei dati più usato nel mondo dei Big Data, dove è molto diffuso l'uso di database NOSQL, come MONGODB, che usano strutture JSON al posto delle classiche tabelle usate nei database SQL (Relazionali).

Per dichiarare una  struttura JSON, dovete indicare in una coppia di parentesi graffe tutte le variabili che la compongono, come mostra l'esempio seguente:

var persona:{id:number, nome:string, cognome:string, luogoDiNascita:string, dataDiNascita:Date,sesso:boolean, codiceFiscale:string, titoliDiStudio:string[]};

Esempio 6

//  gestione_persone_json_01.ts

var personaUno:{id:number, nome:string, cognome:string, luogoDiNascita:string, dataDiNascita:Date,sesso:boolean, codiceFiscale:string, titoliDiStudio:string[]}; // Dichiarazione di una struttura JSON
var personaDue:{id:
number, nome:string, cognome:string, luogoDiNascita:string, dataDiNascita:Date,sesso:boolean, codiceFiscale:string, titoliDiStudio:string[]}; // Dichiarazione di una struttura JSON
personaUno={id:1,nome:"Paola",cognome:"Verdi",luogoDiNascita:"Roma",dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),sesso:true,codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"]}; // Assegnazione dei dai ad una struttura JSON
personaDue={id:2,nome:"Marco",cognome:"Rossi",luogoDiNascita:"Napoli",dataDiNascita:new Date("1/5/1996"),sesso:false,codiceFiscale:"mrcrss96l01l256g",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale","Laurea Magistrale"]}; // Assegnazione dei dai ad una struttura JSON

console.log(personaUno);
console.log(personaDue);

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc gestione_persone_json_01
node gestione_persone_json_01


---------- OUTPUT ----------

{
  id: 1,
  nome: 'Paola',
  cognome: 'Verdi',
  luogoDiNascita: 'Roma',
  dataDiNascita: 1990-10-04T23:00:00.000Z,
  sesso: true,
  codiceFiscale: 'pllvrd90l05l234f',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea' ]
}
{
  id: 2,
  nome: 'Marco',
  cognome: 'Rossi',
  luogoDiNascita: 'Napoli',
  dataDiNascita: 1996-01-04T23:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'mrcrss96l01l256g',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Triennale', 'Laurea Magistrale' ]
}

L'output mostra i dati delle due persone secondo la convenzione  JSON.

 

COME CREARE UN'INTERFACCIA PER DICHIARARE UNA STRUTTURA JSON (JavaScript Object Notation)

Per dichiarare una  struttura JSON, potete anche usare un'interfaccia che contiene le dichiarazioni di tutte le variabili che la compongono.

Per creare un'interfaccia, dovete usare la parola chiave interface, come mostra l'esempio seguente:

 interface PersonaJSON{
    id:number,
    nome:string, 
    cognome:string, 
    luogoDiNascita:string, 
    dataDiNascita:Date,
    sesso:boolean, 
    codiceFiscale:string, 
    titoliDiStudio:string[]
}

In questo caso avete creato il tipo di dato PersonaJSON, che serve per dichiarare strutture JSON che contengono le informazioni inserite nell'interfaccia.

 

Esempio 7

//  gestione_persone_json_02.ts

interface PersonaJSON{
    id:number,
    nome:string, 
    cognome:string, 
    luogoDiNascita:string, 
    dataDiNascita:Date,
    sesso:boolean, 
    codiceFiscale:string, 
    titoliDiStudio:string[]
}

var personaUno:PersonaJSON;
var personaDue:PersonaJSON;
personaUno={id:1,nome:"Paola",cognome:"Verdi",luogoDiNascita:"Roma",dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),sesso:true,codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"]};
personaDue={id:2,nome:"Marco",cognome:"Rossi",luogoDiNascita:"Napoli",dataDiNascita:new Date("1/5/1996"),sesso:false,codiceFiscale:"mrcrss96l01l256g",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale","Laurea Magistrale"]};

console.log(personaUno);
console.log(personaDue);

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc gestione_persone_json_02
node gestione_persone_json_02

 

---------- OUTPUT ----------

{
  id: 1,
  nome: 'Paola',
  cognome: 'Verdi',
  luogoDiNascita: 'Roma',
  dataDiNascita: 1990-10-04T23:00:00.000Z,
  sesso: true,
  codiceFiscale: 'pllvrd90l05l234f',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea' ]
}
{

  id: 2,
  nome: 'Marco',
  cognome: 'Rossi',
  luogoDiNascita: 'Napoli',
  dataDiNascita: 1996-01-04T23:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'mrcrss96l01l256g',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Triennale', 'Laurea Magistrale' ]
}

Esempio 8

//  gestione_persone_json_03.ts

interface PersonaJSON{
    id:number,
    nome:string, 
    cognome:string, 
    luogoDiNascita:string, 
    dataDiNascita:Date,
    sesso:boolean, 
    codiceFiscale:string, 
    titoliDiStudio:string[]
}

var persone:PersonaJSON[]=[]; // Array si strutture JSON di tipo PersonaJSON
persone.push({id:1,nome:"Paola",cognome:"Verdi",luogoDiNascita:"Roma",dataDiNascita:new Date("10/05/1990"),sesso:true,codiceFiscale:"pllvrd90l05l234f",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea"]});
persone.push({id:2,nome:"Marco",cognome:"Rossi",luogoDiNascita:"Napoli",dataDiNascita:new Date("1/5/1996"),sesso:false,codiceFiscale:"mrcrss96l01l256g",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale","Laurea Magistrale"]});
persone.push({id:3,nome:"Ugo",cognome:"Bianchi",luogoDiNascita:"Milano",dataDiNascita:new Date("7/9/2000"),sesso:false,codiceFiscale:"uggbnc00q07l246e",titoliDiStudio:["Diploma","Laurea Triennale"]});

for(let x:number=0;x<persone.length;x++){
   console.log(persone[x]);
}

---------- COMPILAZIONE ED ESECUZIONE  ----------
tsc gestione_persone_json_03
node gestione_persone_json_03

 

---------- OUTPUT ----------

{
  id: 1,
  nome: 'Paola',
  cognome: 'Verdi',
  luogoDiNascita: 'Roma',
  dataDiNascita: 1990-10-04T23:00:00.000Z,
  sesso: true,
  codiceFiscale: 'pllvrd90l05l234f',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea' ]
}
{
  id: 2,
  nome: 'Marco',
  cognome: 'Rossi',
  luogoDiNascita: 'Napoli',
  dataDiNascita: 1996-01-04T23:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'mrcrss96l01l256g',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Triennale', 'Laurea Magistrale' ]
}
{
  id: 3,
  nome: 'Ugo',
  cognome: 'Bianchi',
  luogoDiNascita: 'Milano',
  dataDiNascita: 2000-07-08T22:00:00.000Z,
  sesso: false,
  codiceFiscale: 'uggbnc00q07l246e',
  titoliDiStudio: [ 'Diploma', 'Laurea Triennale' ]
}

Nella prossima lezione approfondiremo la conoscenza degli array.


<< Lezione precedente           Lezione successiva >> | Vai alla prima lezione


T U T O R I A L S    S U G G E R I T I


EDUCATIONAL GAMING BOOK (EGB) "H2O"

Nell'era dello SMART LEARNING e di PYTHON i libri non si scrivono, ma si sviluppano, in questo modo chi studia, può sperimentare ed apprendere contemporaneamente; un libro con queste caratteristiche lo possiamo definire un  Educational Gaming Book (EGB).

"H2Oè un EGB che descrive tutte le caratteristiche dell'acqua, la sostanza formata da molecole di H2O, che attraverso il suo ciclo di vita garantisce la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi del Pianeta

L'obiettivo dell'EGB è quello di far conoscere ai giovani le proprietà dell'acqua, sotto molti aspetti uniche, per sensibilizzarli a salvaguardare un bene comune raro, indispensabile per la vita


Per il DOWNLOAD di "H2Oclicca qui.


Share Button

TypeScript - Lezione 1: Come iniziare.

Gino Visciano | Skill Factory - 05/06/2020 22:53:20 | in Tutorials

TypeScript è il nuovo linguaggio di programmazione creato nel 2012 dalla Microsoft, che permette anche ai programmatori di applicazioni front-end (client-side) di sviluppare con il paradigama Object Oriented, in modo molto simile a Java e C#.

Le applicazioni sviluppate con TypeScript  quando vengono compilate, sono tradotte in JavaScript e possono essere eseguite con Node.js oppure possono essere importate in una pagina HTML.

TypeScript è il linguaggio usato da Angular, il framework più utilizzato per creare applicazioni Web, quindi se lo conoscete sarà più semplice impareare ad usarlo.


COME INSTALLARE TYPESCRIPT

Per iniziare a sviluppare con TypeScript dovete prima installare  Node.js:

1) collegatevi all'indirizzo: https://node.js/it/download ed eseguite il download di Node.js;



2) dopo il download eseguite il file di setup per installare Node.js;


3) al completamento per verificare se Node.js è stato installato correttamente usate il comando node -v:



Dopo l'installazione di Node.js, potete installare 
TypeScript  il comando:

npm install typescript

Per verificare se TypeScript  è stato installato correttamente usate il comando tsc -v

COME INSTALLARE L'IDE (INTEGRATED DEVELOPMENT  ENVIRONMENT)

Per sviluppare applicazioni con TypeScript vi suggerisco di utilizzare Visual Studio Code, l'ambiente di sviluppo integrato creato da Microsoft, molto semplice  da usare e molto performante.

Per installare Visual Studio Code procedete nel modo seguente:

1) collegatevi al sito: https://code.visualstudio.com;

2) dopo il download eseguite il file di setup per installare Visual Studio Code;

3) per avviare Visual Studio Code fate doppio click sull'icona:

Visual Studio Code

 

COME CREARE ED ESEGUIRE LA PRIMA APPLICAZIONE TYPESCRIPT

Per testare l'installazione di TypeScript, su C: create una nuova cartella e chiamatela esercizi_ts.
Avviate Visual Studio Code ed aprite un nuovo file, come mostra l'immagine seguente:

Per creare un nuovo file potete anche usare i tasti Ctrl+N.

All'interno del file scrivete l'istruzione seguente:

console.log("Hello World!");

Per salvare il file usate i tasti Ctrl+S oppure usate il menu File, chiamate il file test.ts, come mostra l'immagine seguente:

Per compilare ed eseguire il programma test.ts, attivate il terminale con i tasti Ctrl +ò oppure usate il menu Terminal e spostatevi nella cartella c:\esercizi_ts, con il comando cd c:\esercizi_ts come mostra l'immagine seguente:

Per eseguire un programma scritto in TypeScript lo dovete prima compilare, con il comando tsc, come mostra l'esempio seguente:

tsc test.ts

La compilazione è semplicemente la traduzione in linguaggio JavaScript, del programma scritto in TypeScript, quindi dopo la compilazione nella cartella c:\esercizi_ts verrà aggiunto anche il file test.js con il codice  JavaScript.

A questo punto ottenuto il file JavaScript, lo potete eseguire con il comando:

node test

L'immagine seguente mostra il risultato dell'esecuzione:

Nella prossima lezione vedremo i tipi di dati  di TypeScript.


Lezione successiva >> 

 


T U T O R I A L S    S U G G E R I T I


EDUCATIONAL GAMING BOOK (EGB) "H2O"

Nell'era dello SMART LEARNING e di PYTHON i libri non si scrivono, ma si sviluppano, in questo modo chi studia, può sperimentare ed apprendere contemporaneamente; un libro con queste caratteristiche lo possiamo definire un  Educational Gaming Book (EGB).

"H2Oè un EGB che descrive tutte le caratteristiche dell'acqua, la sostanza formata da molecole di H2O, che attraverso il suo ciclo di vita garantisce la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi del Pianeta

L'obiettivo dell'EGB è quello di far conoscere ai giovani le proprietà dell'acqua, sotto molti aspetti uniche, per sensibilizzarli a salvaguardare un bene comune raro, indispensabile per la vita


Per il DOWNLOAD di "H2Oclicca qui.


 

Share Button

Il COVID-19 sembra meno aggressivo è il risultato del Lockdown oppure ci sono delle causa naturali che ci obbligano a stare in guardia?

Gino Visciano | Skill Factory - 03/06/2020 07:47:36 | in Home

A tenere banco in questi giorni sono le parole del primario del San Raffaele, Alberto Zangrillo, che ha definito il Covid "morto dal punto di vista clinico".

Osservando le statistiche, i dati sembrano dargli ragione, perché sia il numero di morti che i contagiati sono diminuiti e in 8 regioni non c'è nessun nuovo caso. 

Ma la minore aggressività del virus  è il risultato del lockdown oppure ci sono delle causa naturali?

Probabilmente gli effetti negativi del virus sono stati attenuati da cause naturali e quindi sarebbe opportuno non abbassare la guardia. 

 

La spiegazione potrebbe essere di tipo astronomico!

Durante i mesi estivi l'altezza del Sole rispetto all'orizzonte aumenta, raggiungendo il punto massimo il 21 giugno, giorno del solstizio d'estate.

In questo periodo i raggi del sole raggiungono la Terra quasi in modo perpendicolare e sono molto intensi.

La radiazione solare è composta da diverse frequenze delle spettro delle onde elettromagnetiche ed oltre alla radiazione visibile (luce), emette anche raggi ultravioletti (UV).

Lo spettro UV, ha una lunghezza d’onda compresa tra i 200 e i 400 nm (nanometro) ed è altamente efficace ad eliminare dall’ambiente batteri e virus, limitando la trasmissione aerea di questi patogeni ed agenti infettivi.

L'uso dei raggi ultravioletti è molto diffuso nei laboratori per sterilizzare gli strumenti e le apparecchiature mediche.

Questo spiegherebbe anche perché nelle città molto inquinate gli effetti del COVID sono molto maggiori.  L'ozono è lo scudo del Pianeta contro alcuni tipi di raggi ultravioletti provenienti dal Sole, gli ossidi di azoto (NOx), emessi principalmente dal traffico, dalla produzione di energia, dalla produzione di calore per i processi produttivi e per il riscaldamento degli ambienti,  aumentano la concentrazione di ozono nell'atmosfera.

Le reazioni che portano alla formazione dell'Ozono nell'ambiente, generano anche piccole quantità di altre sostanze ossidanti che formano la miscela chiamata usualmente smog fotochimico, di cui l'ozono è comunque la componente principale.

L'alta quantità di smog fotochimico oltre a bloccare i raggi UV letali per gli esseri viventi, potrebbe bloccare anche quelle frequenze che invece sono letali solo per i virus ed  i batteri, favorendo la loro diffusione.

Se questa ipotesi fosse giusta, dobbiamo sperare che durante i mesi estivi il virus venga distrutto completamente dai raggi UV, altrimenti è possibile che durante i mesi invernali, attenuandosi l'effetto dei raggi UV, il virus ritorni ad essere aggressivo come prima.

 

Share Button

Excel delle meraviglie lezione 9 - Come estrarre dati da un elenco

Gino Visciano | Skill Factory - 01/06/2020 20:56:58 | in Tutorials

Questa lezione è molto interessante perché imparerete ad estrarre dati da un Elenco, impostando criteri di selezione avanzati, per creare tabelle personalizzate.

Per svolgere questo tipo di attività, nel  foglio di lavoro dovete creare tre aree.

1) Nella prima area dovete inserire l'elenco con i dati, come mostra l'immagine seguente:

2)  Nella seconda area dovete inserire i criteri di selezione, come mostra l'immagine seguente:

3) Nella terza area dovete inserire la tabella di estrazione, come mostra l'immagine seguente:

Attenzione, sotto le tre aree non dovete inserire nulla!

COME CREARE L'AREA DEI CRITERI

Per creare l'area dei CRITERI, procedete nel modo seguente:

1) nella cella P1 scrivete la parola CRITERI;
2) scegliete il menu Home;
3) selezionate le celle da P1 a X1;
4) cliccate sul comando unisci e allinea al centro:

5) Successivamente impostate un colore a piacere, con il comando Colore riempimento;

Per completare l'area dei CRITERI, dovete impostare le colonne in cui inserire i valori da usare per la selezione. Per eseguire questa operazione, procedete nel modo seguente:

1) copiate le celle da A1 ad I1;


 

2) incollate le cella copiate nella cella P3, utilizzando il comando Incolla speciale (Mantieni larghezza colonna origine) come mostra l'immagine seguente:

 

 

COME CREARE L'AREA DI ESTRAZIONE

Per creare l'area di ESTRAZIONE, procedete nel modo seguente:

1) nella cella Z1 scrivete la parola ESTRAZIONE;
2) scegliete il menu Home;
3) selezionate le celle da Z1 ad AK1;
4) cliccate sul comando unisci e allinea al centro:

5) Successivamente impostate un colore a piacere, con il comando Colore riempimento;

Per completare l'area di ESTRAZIONE, dovete copiare tutte  le colonne dell'elenco da A1 a L1 ed incollarle in Z3,  con il comando Incolla speciale (Mantieni larghezza colonna origine) come mostra l'immagine seguente:

 

 

LABORATORIO 01

A. CREARE UNA TABELLA CON TUTTE LE DIPENDENTI LAUREATE

1) Inserite un nuovo foglio di lavoro, come indica l'immagine seguente:

  

2) Doppio click sul nome del nuovo foglio ed inserite il nome Dipendenti Laureate, come mostra l'immagine seguente:

3) Nell'area dei criteri impostate la colonna Sesso=Femmina e Titolo di studio=Laurea, come mostra l'immagine seguente:

3) Posizionate il cursore nella cella A1, selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate, come mostra l'immagine seguente:

4) Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite le coordinate dell'elenco, dell'area dei criteri, inclusa la riga in cui avete inserito le condizioni e dell'area di estrazione, includendo solo i nomi delle colonne, come mostra l'immagine seguente:

   

Per ottenere le coordinate delle tre aree potete anche usare il mouse. Cliccate sulla freccia a destra delle caselle di testo e selezionate con il mouse l'area corrispondente, come mostra l'immagine seguente:

5) Per eseguire l'estrazione cliccate sul pulsante "OK". Tutti i dipendenti che soddisfano i criteri di selezione verranno aggiunti nell'area di estrazione, come mostra l'immagine seguente:

Per completare il laboratorio copiate tutta la tabella nel foglio di lavoro Dipendenti laureate, come mostra l'immagine seguente:

B. ESTRARRE TUTTI PROGRAMMATORI DIPLOMATI

1) Nell'area dei criteri impostate la colonna Titolo di studio=Diploma e Ruolo aziendale=Programmatore, come mostra l'immagine seguente:

2) Posizionate il cursore nella cella A1, Selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate;

3) Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione, controllate se le coordinate sono esatte e cliccate sul pulsante "OK", per estrarre i dati.

 

COME IMPOSTARE CRITERI PERSONALIZZATI AVANZATI

L'area dei CRITERI può contenere molte altre sezioni dove inserire condizioni per l'estrazione dei dati. Questa esigenza nasce quando volete applicare condizioni complesse che richiedono l'uso degli operatori logici AND ed OR.

Ricordate che se più condizioni sono associate da una logica AND il dato viene estratto se solo se tutte le condizioni sono vere.

Ad esempio per estrarre tutti i dipendenti con uno stipendio maggiore di 1800,00 e minore di 3000,00 euro dovete utilizzare una logica AND, perché tutte è due le condizioni devono essere soddisfatte:

Stipendio>1800 AND Stipendio<3000. 

In Excel per associare più condizioni con un operatore logico AND basta impostare le condizioni nel modo seguente:

Se più condizioni sono associate da una logica OR il dato viene estratto se almeno una delle condizioni è vera.

Ad esempio per estrarre i dipendenti di Milano, Napoli oppure Potenza dovete usare una logica OR, perché basta che almeno una delle condizioni sia esatta:

Città=Milano OR Città=Napoli OR Città=Potenza.

In Excel per associare più condizioni con un operatore logico OR basta impostare le condizioni nel modo seguente:

Potete anche associare tra loro più condizioni utilizzando contemporaneamente operatori logici AND ed OR. Ad esempio immaginate di voler estrarre dall'elenco  i dipendenti di Milano, Napoli oppure Potenza, Programmatori Laureati. Per ottenere questo risultato dovete applicare la condizione seguente:

(Città=Milano AND Titolo di studio=Laurea AND Ruolo Aziendale=Programmatore) OR (Città=Napoli AND Titolo di studio=Laurea AND Ruolo Aziendale=Programmatore) OR (Città=Potenza AND Titolo di studio=Laurea AND Ruolo Aziendale=Programmatore).

Questa condizione in Excel può essere impostata nel modo seguente: 

 

LABORATORIO 02

A. ESTRARRE DALL'ELENCO TUTTI I DIPENDENTI CHE HANNO UNO STIPENDIO MAGGIORE DI €1800,00 E MINORE DI €3000,00

Per svolgere questo laboratorio, nell'area dei CRITERI dovete inserire la condizione seguente:

 

Per estrarre i dati, posizionate il cursore nella cella A1, selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate.

Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
1) le coordinate dell'elenco;
2) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla condizione inserita;
3) le coordinate della riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

 

B. ESTRARRE DALL'ELENCO TUTTI I DIPENDENTI CHE HANNO UNO STIPENDIO MAGGIORE DI €1800,00 E MINORE DI €3000,00 E SONO FORMATORI

Per svolgere questo laboratorio, nell'area dei CRITERI dovete inserire la condizione seguente:

 

Per estrarre i dati, posizionate il cursore nella cella A1, selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate.

Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
1) le coordinate dell'elenco;
2) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla condizione inserita;
3) le coordinate della riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

C. ESTRARRE DALL'ELENCO TUTTI I DIPENDENTI CHE HANNO UNO STIPENDIO MAGGIORE DI €1800,00 E MINORE DI €3000,00 E SONO FORMATORI OPPURE PROJECT MANAGER

Per svolgere questo laboratorio, nell'area dei CRITERI dovete inserire la condizione seguente:

 

Per estrarre i dati, posizionate il cursore nella cella A1, selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate.

Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
1) le coordinate dell'elenco;
2) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla condizione inserita;
3) le coordinate della riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

D. ESTRARRE DALL'ELENCO TUTTI I DIPENDENTI DI MILANO, NAPOLI OPPURE POTENZA CHE SONO PROGRAMMATORI E LAUREATI

Per svolgere questo laboratorio, nell'area dei CRITERI dovete inserire la condizione seguente:

 

Per estrarre i dati, posizionate il cursore nella cella A1, selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate.

Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
1) le coordinate dell'elenco;
2) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla condizione inserita;
3) le coordinate della riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

 

COME ESTRARRE UNA COPIA UNIVICA DEI RECORD DA UN ELENCO

Due o più record sono uguali se contengono le stesse informazioni in tutte le colonne, la copia univoca dei record è La funzionalità che permette di estrarre da un elenco solo record distinti, eliminando i duplicati.

Nell'elenco seguente i record con matricola A001, A002 e A003 sono duplicati.

L'esempio seguente mostra la copia univoca dei record presenti nell'elenco precedente:

Questa funzionalità in Excel può essere applicata anche solo ad una o più colonne e questo permette di estrarre da un elenco informazioni molto utili.

Ad esempio, applicando la copia univoca dei record all'Elenco dei dipendenti, agendo solo su una o più colonne, è possibile  estrarre, escludendo i duplicati, le seguenti informazioni:

1) Le città dei dipendenti;
2) I ruoli aziendali dei dipendenti;
3) I titoli di studio dei dipendenti.

Inoltre potreste confrontare gli stipendi dei dipendenti in relazione al loro ruolo aziendale oppure in relazione al ruolo aziendale, al titolo di studio ed al sesso.

LABORATORIO 03

A. ESTRARRE DALL'ELENCO UNA COPIA UNIVOCA DELLE CITTA' DEI DIPENDENTI

1) Lasciando le intestazioni, pulite l'area dei CRITERI e l'area di ESTRAZIONE
2) Nell'area dei CRITERI, in corrispondenza della colonna CITTA' inserite come condizione un asterisco
3) Posizionate il cursore all'inizio dell'elenco dipendenti nella colonna matricola (cella A1)
4) Selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate
5) Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
a) le coordinate dell'elenco;
b) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla colonna città e la cella in cui avete inserito l'asterisco;
c) le coordinate della colonna città nella riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine, spuntate la voce Copia univoca dei record e cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

B. ESTRARRE DALL'ELENCO UNA COPIA UNIVOCA DEI RUOLI AZIENDALI DEI DIPENDENTI

1) Lasciando le intestazioni, pulite l'area dei CRITERI e l'area di ESTRAZIONE
2) Nell'area dei CRITERI, in corrispondenza della colonna RUOLO AZIENDALE inserite come condizione un asterisco
3) Posizionate il cursore all'inizio dell'elenco dipendenti nella colonna matricola (cella A1)
4) Selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate
5) Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
a) le coordinate dell'elenco;
b) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla colonna città e la cella in cui avete inserito l'asterisco;
c) le coordinate della colonna città nella riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine, spuntate la voce Copia univoca dei record e cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

C. ESTRARRE DALL'ELENCO UNA COPIA UNIVOCA DEI TITOLI DI STUDIO DEI DIPENDENTI

1) Lasciando le intestazioni, pulite l'area dei CRITERI e l'area di ESTRAZIONE
2) Nell'area dei CRITERI, in corrispondenza della colonna TITOLO DI STUDIO inserite come condizione un asterisco
3) Posizionate il cursore all'inizio dell'elenco dipendenti nella colonna matricola (cella A1)
4) Selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate
5) Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
a) le coordinate dell'elenco;
b) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla colonna città e la cella in cui avete inserito l'asterisco;
c) le coordinate della colonna città nella riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine, spuntate la voce Copia univoca dei record e cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

D. ESTRARRE DALL'ELENCO DEI DIPENDENTI UNA COPIA UNIVOCA DELLE SEGUENTI INFORMAZIONI: SESSO, TITOLI DI STUDIO, RUOLI AZIENDALI E STIPENDI

1) Lasciando le intestazioni, pulite l'area dei CRITERI e l'area di ESTRAZIONE
2) Nell'area dei CRITERI, in corrispondenza delle colonne  SESSO, TITOLO DI STUDIO e RUOLO AZIENDALE  inserite come condizione un asterisco
3) Posizionate il cursore all'inizio dell'elenco dipendenti nella colonna matricola (cella A1)
4) Selezionate il menu Dati e cliccate sul comando Avanzate
5) Nella scheda Filtro avanzato, selezionate l'opzione Copia in un'altra posizione ed inserite:
a) le coordinate dell'elenco;
b) le coordinate dell'area dei criteri che corrisponde alla colonna città e la cella in cui avete inserito l'asterisco;
c) le coordinate della colonna città nella riga d'intestazione nell'area di estrazione.

Alla fine, spuntate la voce Copia univoca dei record e cliccate sul pulsante "OK".

Le immagini seguenti mostrano le informazioni da inserire nella scheda Filtro avanzato ed il risultato dell'estrazione:

Nella prossima lezione imparerete a creare un cruscotto con informazioni statistiche per il supporto decisionale.


Per il download del file excel GestioneDipendenti.xlsm in formato zip clicca qui.


<< Lezione precedente | Vai alla prima lezione


T U T O R I A L S    S U G G E R I T I


EDUCATIONAL GAMING BOOK (EGB) "H2O"

Nell'era dello SMART LEARNING e di PYTHON i libri non si scrivono, ma si sviluppano, in questo modo chi studia, può sperimentare ed apprendere contemporaneamente; un libro con queste caratteristiche lo possiamo definire un  Educational Gaming Book (EGB).

"H2Oè un EGB che descrive tutte le caratteristiche dell'acqua, la sostanza formata da molecole di H2O, che attraverso il suo ciclo di vita garantisce la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi del Pianeta

L'obiettivo dell'EGB è quello di far conoscere ai giovani le proprietà dell'acqua, sotto molti aspetti uniche, per sensibilizzarli a salvaguardare un bene comune raro, indispensabile per la vita


Per il DOWNLOAD di "H2Oclicca qui.


 

Share Button
TOP